Bacheca News

20-24 marzo 2019
Ritiro di Guarigione con
Tao Qingyu e Ramon Testa
a Cesenatico

 

en it

Newsletter

* campi richiesti

Zhineng Qigong - Usare Yishi (la coscienza) XXI

Mar01Mar2016

Zhineng Qigong - Usare Yishi (la coscienza) XXI

Capitolo cinque

tradotto da A. Carloni, revisione A. Panatta

 

Illusioni

Quindi nel Zhìnéng Qìgōng 智能气功 non ci sono altri segreti per usare yìshí 意识, è così semplice: concentrate la vostra attenzione, eseguite i movimenti e prendete l'iniziativa per usare attivamente yìshí 意识, e questo è tutto. Ma c'è un punto che deve essere toccato qui. Con il Zhìnéng Qìgōng 智能气功, il nostro gōngfu 功夫 cresce rapidamente. Quindi attraverso la nostra pratica, le abilità paranormali si sviluppano molto velocemente. Prima di ciò però avremo delle reazioni derivanti dalla pratica del qìgōng 气功. Che tipo di reazioni? Alcuni avranno illusioni; potrebbero apparire colline, fiumi, stagni, mari, stelle, fiori, erba, alberi, umani, demoni, dei, templi, spiriti ecc. Il Zhìnéng Qìgōng 智能气功 adotta un atteggiamento scientifico verso questi problemi: nessuna di queste immagini è reale. Nemmeno i Buddhisti e i Daoisti le trattano come reali. La spiegazione dei Buddhisti sulle illusioni è che la mente non è completamente calma e quindi ha delle reazioni alle influenze esterne. La mente (xīn ) non è risoluta e quindi crea delle illusioni. I Daoisti le attribuiscono all'eccesso di qì negli organi del corpo che creano una reazione che influenza la mente. I Daoisti si concentrano sullo sviluppo di una 'pillola' (dān ) e credono che il qì in eccesso causi le illusioni. Non le considerano come cose reali. Citando un detto buddhista: “quello che è percepito con i cinque sensi, in definitiva, non è reale. Solo ciò che è senza forma e colore è reale (da una prospettiva esoterica)”. Quindi qualsiasi cosa voi vediate apparire durante la pratica, è irreale. Quando c'è pace e quiete durante l'allenamento, questa è realtà. Quindi gli studenti dovrebbero prendere particolarmente nota di questo argomento. Vi darò un esempio.

 

Lo spirito della volpe

Questo accadde nel 1964. Il suocero di un mio amico, della famiglia Zhōu , aveva un problema agli occhi. Dopo aver praticato la forma in piedi i suoi occhi guarirono. Tuttavia per più di una settimana il vecchio ogni notte verso mezzanotte, iniziava a parlare a se stesso guardando verso la porta e dicendo: “Chi va là? Tu sei lo spirito della volpe vero? Cosa vuoi da me? Tu vuoi la mia pillola (il dān ). Se ne ho una? Anche se ce l'avessi non te la darei “. Mentre diceva questo agitava le mani come se stesse lottando. Ogni notte faceva la stessa cosa a mezzanotte. Il mio amico e la sua intera famiglia erano molto spaventati da tutto ciò e mi chiesero di andare a dare un'occhiata per vedere cosa stesse succedendo con il suocero. Nel 1964 avevo iniziato ad avere qualche capacità, anche se erano ancora poca cosa, ma andai comunque a dare un'occhiata. Allora chiesi al vecchio “che ti sta succedendo?” visto che nessuno nella sua famiglia aveva il coraggio di chiederglielo. Tutto questo a causa degli spiriti delle volpi! Erano terrorizzati! Pensate che il vecchio era addirittura un professore, non era proprio una persona qualunque, era un professore al collegio medico di Pechino. Quindi glielo chiesi. Lui disse che ogni volta che praticava un fortissimo qì appariva e una voce iniziava a parlargli. Così chiesi al resto della famiglia se anche loro avevano sentito questo. Loro dissero di no. Disse che la voce chiamava il suo nome e lui rispondeva “chi va la?” e qual era la risposta? “La volpe”. Gli chiesi se la vedeva, e lui rispondeva “No, sento solo la voce, non vedo nessuna forma. Gli ho chiesto cosa vuoi da me ? E lei mi ha risposto, voglio le tue pillole dell'elisir. Ma io pratico solo da sei mesi, ho già formato le pillole? E lei risponde Sì, ne hai tre, una in alto, una al centro, e una in basso. Così gli ho risposto 'non te le darò'. La volpe allora ha detto 'allora te le prenderò con la forza', quindi mi sono messo a combattere con lei. A quel punto è scomparsa”. “allora quando appare?”

“A mezzanotte, ma ieri è arrivata alle 7 di sera”.

Allora io gli ho detto “Non sono ancora le 7 ora... inizia a praticare adesso. Quando arriverà?” e lui “Saprò quando il suo qì appare, lo sentirò”.

Io gli dissi “ok, fammi sapere quando arriva”. Quindi cominciò la forma in piedi e dopo circa venti minuti lo vidi muoversi un po', gli chiesi se stava per arrivare e lui fece di sì con la testa. Usai le mie dita per puntare al centro del suo petto e dissi che non sarebbe potuta venire stanotte. Quindi egli praticò per un'altra mezz'ora, poi disse, “Si, non viene più” e io dissi “bene , termina la tua pratica.”. Poi gli chiesi “Allora, sei un professore di psicologia cos'è che non va in te?” Lui chiese “perché cosa c'è che non va?”

io dissi “tutta questa storia senza senso dello spirito della volpe…” “ma io l'ho sentita chiaramente” io dissi “è tutto l'effetto di yìshí 意识”

“cosa intendi?”

io dissi “dopo aver praticato qìgōng 气功, la tua abilità si è rafforzata. Appena hai un debole pensiero nella tua mente subconscia, i segnali possono essere amplificati e diventare un suono. Per caso hai ascoltato niente di recente a proposito di una volpe che ruba le pillole?”.

Lui rispose “circa tre mesi fa nel luogo dove mi allenavo abbiamo discusso qualcosa a proposito degli spiriti delle volpi che rubavano le pillole...”

io dissi “ecco! Hai quel pensiero nella tua mente e quindi mentre pratichi tu mobiliti il tuo zhēn qì 真气 – innato. La mente è ora molto sensibile e basta un piccolo pensiero sulla pillola rubata che ecco ….”.

Prima ancora che potessi finire aveva già compreso tutto. Mi disse “sono uno psicologo, come ho potuto dimenticare queste attività di yìshí 意识?”. Quindi le lasciò andare immediatamente e stette di nuovo bene. Può essere facile convincere alcune persone soltanto spiegando i fatti. Ma per coloro che non hanno ricevuto una educazione formale, se non potete convincerli con le spiegazioni e le persuasioni, potrebbe essere un compito davvero difficile. Se si rifiutano di ascoltare e si aggrappano a ciò che credono, allora abbiamo un vero problema “Quella voce è chiara per me…Tu non puoi sentirla ma io posso”. Prendono l'irreale per reale, e divengono casi senza speranza.

 

 

Questo sito utilizza cookies al fine di migliorare la navigazione degli utenti. Proseguendo, l'utente dichiara di accettarne l'utilizzo Info