Bacheca News

Ritiro di Guarigione con
Tao Qingyu e Ramon Testa
a Cesenatico

 

en it

Newsletter

* campi richiesti

Zhítuǐ zuò 直腿坐 - seduti con le gambe distese IV

Ven08Lug2016

Zhítuǐ zuò 直腿坐 - seduti con le gambe distese IV

 

Zhítuǐ zuò 直腿坐 - seduti con le gambe distese (quarta parte)

tradotto dal cinese da Amanda Carloni

 

Quando si rilassa la vita è necessario aprire mìngmén 命门, in modo che diventi possibile muoverlo avanti e indietro e raccogliere da lì il qì all’interno (coordinando con la contrazione dell’addome). Il mesenterio nell’intestino tenue contiene molto qì estratto dagli alimenti: contraendo l’addome il qì postnatale degli alimenti e il campo di qì prenatale della Hùnyuán shénshì 混元神室 (sede del qì prenatale) si fondono in un qì che contiene l’informazione vitale di tutto il corpo.

Rilassando la vita il qì si raccoglie dentro la spina dorsale a rafforzare le funzioni dei nervi spinali (nervi sensoriali e nervi motori), rendendo possibile alla spina dorsale non solo il movimento in avanti e indietro ma anche quello di rotazione. Dunque possiamo affermare che il rilassamento della vita ha veramente la funzione di rafforzare il qì di tutto il corpo.

Nella pratica del Tàijíquán 太极拳 la vita è il perno fondamentale, ma la maggior parte dei praticanti è in grado solamente di muoverla ruotando in orizzontale come una macina. E’ necessario comprendere che se la vita è il perno centrale dei movimenti deve essere rilassata e aperta. Dopo che la zona lombare è aperta, le vertebre lombari e l’intera spina dorsale possono ruotare articolando ogni sezione. Quando si inizia a lavorare in questo modo, con le spalle, i gomiti e i polsi rilassati basta muovere la vita perché gli arti si muovano. Una volta sollevate le braccia il corpo ruota e le braccia ruotano di conseguenza, come una frusta che schiocca guidata dal movimento dell’impugnatura. Questo è il senso di muovere a partire dalla vita.

Se la vita è rilassata, le trasformazioni del qì sono molto veloci e la qualità del corpo migliora rapidamente; non sarà poi solo la spina dorsale ad aprirsi, ma anche i muscoli di lato alla colonna, i lombi e gli spazi tra le varie vertebre lombari e tra di esse e l’osso sacro. In questo modo tutta la muscolatura della schiena, i tendini e i legamenti si apriranno fondendosi come il ghiaccio che si scioglie. Dopo che la vita è rilassata la pratica del Tàijíquán 太极拳 non è più un mero movimento meccanico ma diventa possibile gestire la spinta dell’avversario tramite le contrazioni dell’addome che innescano le rotazioni della vita: in questo modo se veniamo spinti cambiamo la direzione della spinta tramite l’assorbimento e la rotazione della vita, se l’avversario non ci spinge con forza ritraiamo le braccia e comunque si trova sempre sbilanciato. Questo si chiama attirare nel vuoto.

 

Questo sito utilizza cookies al fine di migliorare la navigazione degli utenti. Proseguendo, l'utente dichiara di accettarne l'utilizzo Info