Bacheca News

20-24 marzo 2019
Ritiro di Guarigione con
Tao Qingyu e Ramon Testa
a Cesenatico

 

en it

Newsletter

* campi richiesti

Il 道德 dàodé (seconda parte)

Mar31Mar2015

Il 道德 dàodé (seconda parte)

ii. Il significato di 道德 dàodé nella cultura cinese (seconda parte)

Nell’antica civiltà cinese, la virtù etica era contemplata dalla scuola confuciana, che si riferiva a essa parlando di “li”, i riti. Per esempio nel  礼记,礼运 Lǐjì, Lǐyùn (Memorie sui riti, Origine e sviluppo dei riti) è scritto:

“Quindi il santo regola le sette emozioni degli esseri umani, coltiva le dieci virtù; promuove la sincerità nel parlare e il mantenimento dell’armonia, dà valore alla gentilezza mentre rifugge liti e saccheggi. Se non rispetta le regole della proprietà come potrà mai avere successo?”

E sempre nel 礼记,乐记 Lǐjì, Lèjì (Memorie sui riti, Memorie sulla musica) leggiamo:

“Esattezza e correttezza, senza alcuna inflessione o deviazione, formano la sostanza dei riti, mentre la gravità, il rispetto, e un umile considerazione ne costituiscono le regole.”

I riti, nell’antica civiltà cinese non sovrintendevano solamente ai rapporti interpersonali, ma avevano anche il ruolo di regolare la vita personale di ogni essere umano rendendolo più sano coltivando correttamente il proprio corpo. Per esempio vediamo il 礼记,礼运 Lǐjì, Lǐyùn (Memorie sui riti, Origine e sviluppo dei riti):

“Quindi la proprietà e la giustizia sono i grandi elementi del carattere umano; attraverso di essi il suo eloquio diviene l’espressione della verità e le sue relazioni divengono la promozione dell’armonia; simili all’unione di pelle e cuticole, al legame tra muscoli e ossa rafforzano il corpo. Costituiscono i grandi metodi tramite cui nutriamo i vivi, seppelliamo i morti e onoriamo gli spiriti degli antenati; sono i canali attraverso i quali possiamo apprendere le vie del cielo e comportarci come i sentimenti umani richiedono.”

Nonostante quanto detto sopra, il punto fondamentale in cui i riti dell’antica Cina e l’etica moderna non coincidono è il fatto che i riti non erano considerati solamente il punto più alto  dell’umanità , come li definisce lo 史记, 礼书 Shǐjì, Lǐshū (Memorie di uno storico, Trattato sui riti): “I riti sono il culmine del 道 dào degli esseri umani”, ma anche diretta espressione della virtù (道德 dàodé) del cielo. Come afferma il 礼运 Lǐyùn:

“I riti nascono dall’unità suprema, esistevano già prima che il cielo e la terra si separassero.”

Questo sito utilizza cookies al fine di migliorare la navigazione degli utenti. Proseguendo, l'utente dichiara di accettarne l'utilizzo Info