Bacheca News

20-24 marzo 2019
Ritiro di Guarigione con
Tao Qingyu e Ramon Testa
a Cesenatico

 

en it

Newsletter

* campi richiesti

Zhineng Qigong - Usare Yishi (la coscienza) V

Mar03Nov2015

Zhineng Qigong - Usare Yishi (la coscienza) V

Capitolo due

Il secondo aspetto di yìshí 意识 : l’influenza di yìshí 意识 sulla materia.

tradotto da A. Carloni, Revisione A. Panatta

Yìshí 意识 può influenzare l’intensità dell’effetto che la materia oggettiva ha sul corpo. Alcuni psichiatri moderni direbbero che ciò di cui abbiamo appena parlato è un mero effetto psicologico e non qìgōng 气功. Sì, avrebbero ragione! E’ un dato di fatto che quello di cui stiamo discutendo includa effetti psicologici, ma non si limita solo a quelli. Se equipariamo i due priviamo lo studio del qìgōng 气功 della sua caratteristica principale. Questo perché in psicologia, gli effetti psicologici possono influenzare solo il corpo di chi li sperimenta ma non la materia oggettiva. Invece yìshí 意识 nel qìgōng 气功 include entrambi. Lo stato mentale di una persona crea differenze nelle risposte agli eventi; abbiamo dunque due aspetti da discutere. Il primo è che yìshí 意识 può influenzare l’intensità dell’effetto che la materia oggettiva ha sul corpo. A causa dei limiti del linguaggio, non è possibile afferrare immediatamente questo concetto. Esercitando yìshí 意识, la risposta del corpo a uno stimolo oggettivo può mutare; il grado di intensità della reazione può essere alterato da yìshí 意识. In questo abbiamo due aspetti: uno è il grado di reattività della persona, l’altro è il grado di intensità della sua reazione oggettiva. Ambedue possono essere alterati. Vi darò qualche esempio perché possiate comprendere a poco a poco.

Nella vita quotidiana, riceviamo ogni tipo di stimolo dagli oggetti esterni. L’intensità degli oggetti è costante ma a causa dell’influenza della mente, differenti stati mentali creano diverse reazioni agli oggetti. Per esempio, quando cuciniamo e tagliamo le verdure, ci possiamo accidentalmente ferire un dito. Il coltello che taglia il dito è un fenomeno oggettivo. Nessuno può cambiare questo dato. Ma come una persona percepisce l’intensità del dolore può variare in base al suo stato mentale.

Quando vi tagliate, se la vostra attenzione è sul cucinare è dispersa. E’ doloroso? Sì, ma non troppo. E’ molto improbabile che perdiate i sensi per il dolore. Più probabile che applichiate una medicazione, un cerotto e continuiate a cucinare. Se provassimo invece adesso a tagliare un piccolo pezzo di carne da un dito di un volontario, il dolore sarebbe insopportabile! Consideriamo questo allora. Mentre si sta cucinando, tagliarsi accidentalmente non è doloroso mentre tagliarsi deliberatamente sarebbe insopportabile? E’ così perché saremmo spaventati e immagineremmo il dolore ancora prima che il coltello tocchi la carne. Molte persone, se venissero bendate e usaste un oggetto smussato contro di loro reagirebbero per il dolore anche in caso di un tocco leggerissimo. A causa dell’attenzione intensa e della paura lo stimolo si amplifica portando a sentire molto dolore. Questo dunque per quanto riguarda gli effetti mentali che cambiano l’intensità dello stimolo oggettivo. D’altra parte, se concentrate l’attenzione e resistete, può verificarsi anche assenza di dolore. Un esempio è una storia sempre tratta dal Romanzo dei Tre Regni. Guān Yǔ 关羽 fu ferito da una freccia avvelenata e visto che era un eroe, non volle nessun anestetico dal medico Huá Tuó 华佗. Disse: “Operami!” e continuò a giocare a scacchi con un amico per tutta l’operazione senza ritrarsi neanche un po’. Ovviamente non vogliamo incoraggiare questo tipo di comportamenti, che c’è di male in un po’ di anestesia? La spiegazione del qìgōng 气功, comunque, è che Guān Yǔ 关羽 fu in grado di eliminare il dolore utilizzando yìshí 意识. Questo dunque ci dice che tramite la concentrazione dell’attenzione possiamo diminuire gli effetti oggettivi su di noi, possiamo renderli non dolorosi.

Adesso potreste dire:

“Páng Lǎoshī 庞老师 sta ancora parlando di effetti psicologici interni, non di effetti oggettivi.” Avreste ragione, ma si tratta di un effetto reciproco. “Possiamo avere un esempio più convincente?” Yìshí 意识 può scegliere e selezionare. Ecco un altro esempio. Supponiamo che siate con un gruppo di amici e vi stiate divertendo. A un certo punto notate un altro gruppo di persone che parlano tra loro e vi osservano ripetutamente, indicandovi. Vi convincete che stiano parlando di voi e volete sapere che cosa stanno dicendo, ma non potete avvicinarvi. La vostra attenzione quindi si focalizza su quello che stanno dicendo. Lentamente riuscite a sentire cosa stanno dicendo gli altri più lontani e non sentite più quello che i vostri amici stanno dicendo vicino. Questo si chiama focalizzare yìshí 意识. Se yìshí 意识 sceglie di focalizzarsi su qualcosa lontano e la vostra attenzione è lì, la vostra reazione è più sensibile e vi connettete a esso. Quindi l’effetto reciproco sul corpo cambia. Al contrario, se non notate quelle persone, yìshí 意识 non è su di loro e non vi connettete, quindi l’effetto reciproco sarà indebolito. Gli studenti dovrebbero considerare attentamente questo fatto. Se esaminate a fondo questo aspetto vi rendete conto che, soprattutto per il Zhìnéng qigōng 智能气功, è una chiave per sbloccare segreti, i più importanti e fondamentali.

Questo sito utilizza cookies al fine di migliorare la navigazione degli utenti. Proseguendo, l'utente dichiara di accettarne l'utilizzo Info