Bacheca News

20-24 marzo 2019
Ritiro di Guarigione con
Tao Qingyu e Ramon Testa
a Cesenatico

 

en it

Newsletter

* campi richiesti

Zhineng Qigong - Usare Yishi (la coscienza) XIII

Mar05Gen2016

Zhineng Qigong - Usare Yishi (la coscienza) XIII

 

Capitolo quattro

Come usare yìshí . Usare yìshí in maniera positiva

tradotto da A. Carloni, revisione A. Panatta

Vi racconterò di un caso che è stato documentato e pubblicato in Russia nel 1950, e che è accaduto in un ospedale di Mosca. Il paziente, che era un veterano della seconda guerra mondiale, aveva un tumore al cervello. Il paziente era normale e molto sano. Sentiva solo un leggero dolore nella testa, occasionalmente e la sua forza di volontà era molto forte. Quando lo aprirono, trovarono che aveva il cancro e che questo si era diffuso tanto da risultare inoperabile. Quindi tolsero solo la parte centrale - per le parti periferiche non potevano fare nulla – e lo richiusero. Questo significa che non completarono l'operazione chirurgica. A quel tempo la Russia stava implementando una politica di protezione del paziente. Per la loro protezione i pazienti seriamente malati non venivano informati della loro condizione per non aggiungere stress alla loro situazione, quindi gli mostrarono un esemplare di tumore preso da un altro paziente e gli dissero che l'operazione era stata un completo successo, che tutto il tumore era stato rimosso dal suo cervello: “vede? È stato tolto tutto, ci aspettiamo una guarigione completa”, ma il dottore aggiunse anche che, sebbene lui avesse deciso di non restare in ospedale, non sarebbe dovuto tornare al lavoro perché se non fosse stato cauto ciò avrebbe potuto causare un'emorragia cerebrale che avrebbe potuto essergli fatale; avrebbe anche dovuto riposarsi e prendersela comoda per almeno sei mesi. Fra sé e sé il dottore pensava che il paziente non sarebbe vissuto per più di tre mesi quindi sarebbe stato meglio lasciare che si godesse la vita per il tempo che gli rimaneva. Quindi “Si riposi molto, e si diverta per almeno sei mesi. Non le è permesso di tornare sul posto di lavoro”.

Così il paziente pensò che sarebbe stato bello farsi una vacanza e fece domanda per lasciare la sua unità. La sua unità, conoscendo la sua situazione, fu d'accordo e gli fece avere una vacanza pagata per due persone. Andò in vacanza per un anno e mezzo dopodichè pensò che fosse tempo di tornare al lavoro e quindi andò in ospedale per un controllo. All'ospedale tirarono fuori la sua cartella clinica; il suo nome, l'età e altre informazioni corrispondevano ma… non doveva essere morto parecchio tempo prima?

Allora, lui guarì dalla sua malattia dopo poco più di un anno. Com'è possibile? E' questo un effetto di yìshí 意识? Questo è un documento medico ufficiale degli anni 50. Lasciate che vi dia un altro esempio perché qualcuno potrebbe affermare che il caso della Russia potrebbe non essere affidabile. Prendiamo un caso dalla nostra stessa nazione, la Cina. 1984: Un caso pubblicato dalle autorità di Tiānjīn 天津, a proposito di una paziente. Cancro al seno, ultimo stadio, intervento chirurgico considerato inutile, prossima alla morte. Questa donna aveva una grande forza di volontà, “io non credo di stare per morire” diceva. Quindi andò in fabbrica e richiese un pensionamento anticipato. “Me ne andrò in giro a divertirmi” affermò. L'unità alla quale apparteneva era decisamente dalla sua parte, quindi approvò e le diede anche di più, sapendo che sarebbe morta presto; inclusero anche gli assegni alimentari. Guadagnò una somma enorme per essere nel 1981. Quindi andò a Huángshān 黄山; le piaceva dipingere quadri in stile cinese, e dopo poco più di un anno, prima ancora che potesse spendere ('huā ') tutto il suo denaro, lei dipinse ('huà ') il suo tumore che scompariva. Guarì completamente. Pensateci: come ha fatto a guarire?

Primo, lei non credeva che sarebbe morta della sua malattia. Il suo atteggiamento era: “mentre gli altri credono che il cancro causa la morte, io non ci credo”. Nella sua mente non c'era messaggio alcuno che il cancro potesse ucciderla. Secondo, lei praticava la pittura delle montagne, che non è troppo dissimile dal praticare qìgōng 气功, e praticava attivamente e diligentemente. Lei tirò completamente fuori da sé stessa il pensiero della morte. Nella sua mente la malattia non esisteva più. Non faceva altro che godersi la vita di tutto cuore andando da un posto all'altro per dipingere e quindi lasciò andare completamente la malattia. Questo è l'effetto di yìshí 意识 sulle malattie. Se usate yìshí 意识 in questa maniera anche il cancro può essere superato. Dall'esperienza degli anni passati abbiamo potuto vedere che l'atteggiamento interiore delle persone che sono guarite attraverso la pratica del qìgōng 气功 era sempre lo stesso “non è niente, non importa, non c'è nessun problema”. In questo modo il problema era già risolto.

 

Questo sito utilizza cookies al fine di migliorare la navigazione degli utenti. Proseguendo, l'utente dichiara di accettarne l'utilizzo Info